Come scegliere il monitor del PC

Chi meglio spende meno spende, per questo è importante avere sempre chiaro cosa e come scegliere cosa comprare. In questo caso analizziamo i monitor per PC, per trovare facilmente quello con il miglior rapporto fra qualità e prezzo.
Ma veniamo subito al lato tecnico, cioè quali caratteristiche vanno tenute in considerazione per la scelta di un buon monitor:

Tempo di risposta: Questo dato è molto importante, se non fondamentale, e indica il ritardo che il monitor impiega a visualizzare delle immagini in movimento. Più è alto peggio è, perché crea sfocature nelle immagini in movimento. Un vero inferno leggere testi in movimento... non potrai scrollare una pagina mentre leggi con un monitor con un tempo di risposta alto, ma dovrai far visita ad un oculista poco dopo. Un valore intermedio è 4-5 millisecondi, uno buono è 2, l'ideale è zero anche se non sarà mai completamente zero.


Risoluzione: E' il numero di pixel che il monitor è in grado di visualizzare. Più è alta la risoluzione più definizione avrà l'immagine resa, a patto che anche questa immagine combaci con questa risoluzione (un film in bassa risoluzione non otterrà benefici, insomma, tutto il resto si). Ormai la risoluzione standard che hanno quasi tutti è la Full HD: 1980 x 1080, ma ne stanno uscendo di maggiori. In ogni caso scendere al di sotto potrebbe non essere una buona idea: le immagini in full HD pagano sempre, e ormai il prezzo dei monitor con questa risoluzione è quasi stracciato. Questo vale anche per i televisori se si usano console di nuova generazione o si guardano film in blue ray.

Contrasto: E' la differenza di luminosità tra un pixel bianco ed uno nero. In parole semplici più è alto meglio è. Con i monitor LED il contrasto è maggiore e tendenzialmente l'immagine è migliore sotto ogni punto di vista, e oltre a questo vantaggio c'è anche un notevole risparmio di energia rispetto i normali LCD.

Luminosità: Anche in questo caso più è alta meglio è. Si misura in candele a metro quadro (non chiedetemi il motivo...). Mi pare che il massimo sia di 350 cd/mq (sempre le candele nel metro quadro, pare di essere in un tempio) quindi più un monitor ci si avvicina meglio è

Dimensioni: Chiaramente un monitor di piccole dimensioni non è di impatto come un bel 24 pollici.
Se stiamo passando da un monitor 4:3 ad un 16:9 inizialmente potrebbe sembrarci addirittura più piccolo, perché effettivamente più basso di un monitor 4:3 con gli stessi pollici, ma lo spazio è tanto di più. Se usi i videogiochi passare al 16:9 sembra toglierti letteralmente i paraocchi, testimonianza diretta di chi gioca.
Le dimensioni sono buone ma fino ad un certo punto, un monitor molto grande avrà bisogno di più risoluzione per non far comparire i pixel troppo grandi e avrà tempi di risposta maggiori. Fra l'altro non serve quasi mai avere un monitor di dimensioni gargantuesche, ma anche in questo caso tutto sta alla tua discrezione.

Angolo di visuale: Anche questo è molto importante. Alcuni monitor basta che sposti leggermente la testa che inizi a vedere i colori sfalsati o l'immagine scurirsi. Significa che hanno un angolo di visuale misero, che costringe ad essere sempre e perfettamente orientati al monitor. Il vero problema si presenta se anche altre persone devono guardare sullo schermo (magari guardando un film o qualsiasi altra cosa).
Per questo motivo più gradi hanno nell'angolo di visuale (entro un certo limite naturalmente, aspettarsi 360 gradi è fantascientifico) sia orizzontale che verticale meglio è.

E ultimo, ma non meno importante, gli spinotti!
Un monitor di qualità deve sempre avere una buona varietà di spinotti nel suo retro, così da renderlo versatile e soprattutto duraturo nel tempo! Avere tutti i tipi di spinotti è praticamente fondamentale nel determinare la qualità di un prodotto, perché potremo usare quel monitor con qualsiasi computer ci capiti di lavorare, cosa che si presenta più spesso di quanto si possa pensare (esempio, si guarda la scheda video e dobbiamo usarne un'altra di ripiego, se non ha la presa giusta dovremo cercare anche un altro monitor, o gli adattatori, o cavi diversi, complicandoci l'esistenza).

Altro piccolo dettaglio: anti riflesso o normali. I monitor antiriflesso sono una manna dal cielo per chi ha finestre o fonti luminose a fianco o di fronte il monitor, perché in caso contrario vederci qualcosa è particolarmente ostico, lo scotto però lo si paga con colori meno brillanti e vividi, e la differenza si fa notare molto. Alcune nuove tecnologie, come il super LED, hanno appianato di molto questa differenza, che consinua però a esistere. Purtroppo l'antiriflesso è quasi un obbligo, a parte rari situazioni.

Ma quando si cambia un monitor? Non sempre è bene aspettare che si rompa quello attuale... se ancora hai un CRT beh è decisamente ora di cambiarlo! Ormai la tecnologia ha fatto passi da gigante e un buon monitor piatto non ha nulla da invidiare ad un vecchio monitor a tubo catodico, e avrai anche il formato 16:9, che male non fa mai.
Anche in caso di CRT con un po' di anni sul groppone un cambiamento non farà male, anzi farà più che bene agli occhi, visto che in passato i tempi di risposta erano talmente alti che il mouse quasi scompariva, e guardare immagini in movimento faceva bruciare gli occhi dopo appena cinque minuti...

Il prezzo... il prezzo varia tanto da modello in modello, ma per trovare un buon monitor non è necessario che il suo prezzo sia superiore ai 150-200 euro. Ovviamente il consiglio numero uno è quello di comprare ai saldi, non ci stancheremo mai di ripeterlo, quindi sarà possibile portarsi a casa un buon monitor per 100 euro o poco più. Come ho fatto io.

Un buon monitor dura tanti anni, il mio l'ho comprato 4 anni fa e ancora tira come un bue, ho solo riscontrato un pixel bruciato ma si è fermato lì, le immagini sono ancora perfettamente nitide.
Insomma, un investimento fatto bene è un investimento duraturo nel tempo. Appunto chi spende bene spende meno. L'ho pagato 125 euro e ne valeva forse 180, finora questi soldi sono stati spesi benissimo!

Spero che questa piccola spiegazione ti sia utile, prova a metterle in pratica osservando la selezione di amazon
Qui sotto un vero affare:



Post popolari in questo blog

Bricchetti - segatura compressala per stufe e caminetti che fa risparmiare

Come trovare gli spifferi

Come rendere la pizza meno calorica