Risparmiare usando l'energia solare

Abbiamo (quasi tutti) la bella fortuna di stare in un posto bello soleggiato e caldo, e come ben sappiamo tutti il sole è una risorsa praticamente infinita e quasi gratuita.
Perché non iniziare a sfruttarlo, per abbattere i nostri consumi energetici??

Il sole si può usare in tantissimi modi difersi. La prima cosa a cui si pensa è il fotovoltaico, ma non è l'unica via:

Il fotovoltaico:


Installare un impianto fotovoltaico sul tetto è un ottimo modo per prodursi autonomamente un po' di energia elettrica. A seconda della zona si producono quantità molto differenti di energia. Per esempio a Milano un impianto da 3 kw produrrà iil 25% in meno rispetto un impianto siciliano. Questo interessantissimo sito fornisce dati molto utili nella valutazione dell'acquisto. Oltre a questo è possibile valutare il tipo di materiale da usare, infatti il CdTE è quello che produce più energia, e neanche poca.
E' possibile richiedere uno speciale contratto con Enel con cui è possibile vendere l'energia in eccesso sfruttando particolari contratti.
Non male come cosa! In genere un impianto si ripaga in circa 5 anni, dopo è tutto oro colato.

Inoltre, per necessità minori, stanno uscendo tantissimi pannelli solari molto economici in grado di ricaricare cellulari, smartphone, tablet o portatili senza troppi problemi e altri che ricaricano le batterie del camper in modo eccellente.
Insomma, ce n'è per tutti:




Pannello solare termico.

Con il sole non ci si limita a creare la sola energia elettrica, ma si può anche scaldare l'acqua. Installando un impianto solare si avrà acqua calda praticamente sempre, purché ci sia almeno un po' di sole. Con questo sistema è possibile risparmiare parecchi kwh tenendo spento lo scaldabagno elettrico, che beve come un disperato. Se affiancato ad un impianto fotovoltaico permette di poter vendere ancora più kw, invece normalmente permette un bel risparmio in bolletta.
Non è un acquisto "leggero" in quanto si spendono minimo 900 euro, però dopo qualche anno si sarà ampiamente ripagato.
Inserisco un esempio unicamente a scopo illustrativo:



Forno solare:

Per tagliare ulteriormente il consumo di energia elettrica si può sfruttare il calore del sole anche per cuocere le nostre pietanze, usando un forno solare.
Questo consiste in una scatola sigillata con un vetro, in cui verranno convogliati i raggi del sole attraverso degli specchi o altre superfici riflettenti, come l'alluminio. Il calore del sole concentrato scalda l'interno del forno solare che raggiunge anche i 400 gradi. E' un ottimo forno che non consuma corrente, basta che ci sia il sole.
Il costo può variare da 150 euro a oltre i 300-400, ma possiamo bellamente mandare tutti a cagare costruendocelo da soli, spendendo pochissimo.
Se proprio non ci si riesce ecco l'esempio che ho trovato che costa meno:




Disinfettante:

Quante volte disinfettiamo le cose usando prodotti appositi come detersivi o detergenti, sia per oggetti/superfici che abiti? Tutti soldi buttati al cesso!
I raggi UV del sole hanno un effetto disinfettante molto efficace e soprattutto gratuito. Invece che spendere una caterva di soldi per i detersivi che "eliminano il 99% dei batteri" e cazzate simili (quando ci vuole ci vuole) basta stendere al sole...

Insomma, tanti modi di sfruttare il sole e risparmiare denaro (e a volte guadagnarlo), a fronte di investimenti che in pochi anni (o anche pochi giorni) verranno ampiamente ripagati.
Perché non farlo?

Post popolari in questo blog

Bricchetti - segatura compressala per stufe e caminetti che fa risparmiare

Come trovare gli spifferi

Come rendere la pizza meno calorica