Pizza fatta in casa: come quella della pizzeria!

La pizza è nata nel nostro paese ed è una tradizione secolare che non morirà mai, per questo motivo noi italiani mangiamo la pizza migliore al mondo: è nostra!
Che italiani saremmo senza la pizza? Ma non sempre è possibile mangiare la pizza in pizzeria o portata a casa, è una spesa che alla lunga mette a dieta il portafogli. E allora perché non farcela noi? E' facile, divertente e soprattutto costa molto meno!
Prima di tutto bisogna segnare alcuni punti molto importanti: sia gli ingredienti che la cottura sono importantissimi. Se non abbiamo un ottimo strumento per la cottura otterremo solamente delle focacce. Buone, ma non esattamente pizze! Così come se gli ingredienti non sono buoni non otterremo delle pizze troppo buone. Per questo adiamo con ordine e vediamo entrambi i punti nel dettaglio:

Ma partiamo dalle basi: la ricetta per la pasta è molto simile alla ricetta per il pane: farina, acqua, sale, lievito e olio d'oliva.
Si può fare una pasta usando solamente farina 00, non è brutta ma nemmeno eccellente. Le farine migliori per fare la pizza sono quella per pizza e la farina di grano duro, e anche la semola di grano duro fa il suo porco effetto.

Farina: 450g
Farina per pizze: 250g
(proporzioni fra i due tipi di farine variabili in base al gusto, il bello della cucina è che si può e si deve sperimentare!)
Acqua: 350ml
Sale: 3 cucchiaini
Olio d'oliva: 3 cucchiai

A questo punto, mettendo mano in prima persona sulle pizze, notiamo chiaramente che la pasta non costa praticamente nulla... a far lievitare il prezzo di una pizza è il formaggio. Ma se seguiamo il buonsenso e i consigli che noi stessi vi diamo è possibile trovare le mozzarelle a prezzi decisamente ottimi, per cui arriviamo all'errore che commettono in molti quando fanno la pizza: centellinare sul formaggio.

Una pizza con poco formaggio non è e non sarà mai una buona pizza. Meglio abbondare, anche una mozzarella intera, tanto abbiamo già visto che la pasta se ci è costata 10 centesimi è tanto, il pomodoro ha ugualmente un prezzo irrisorio, per cui metterci 50-60 centesimi di formaggio non costituirà affatto uno spreco, ma anzi renderà la pizza buona in modo memorabile!

Per impastare basta mettere tutto nell'impastatrice, o nella macchina del pane, e far andare il solito programma "impasto per pasta" per circa 10 minuti, poi si lascia riposare dieci minuti e si fa ripartire. Dopo l'impasto la si deve lasciare lievitare alcune ore, minimo 2 o 3, dopo si prende l'impasto e si lavora leggermente per fare le pagnottine di pasta (se le fai rotonde dopo la stesura sarà più facile) e poi si coprono per evitare che si secchino.

Cottura consigliata: forno pizza!
Dopo la lievitazione si stendono i panetti con un matterello, o con le mani, e si condiscono con la passata di pomodoro (condito con un filo d'olio e sale), attenzione a non metterne troppo. La mozzarella è meglio se tagliata in precedenza e fatta sgocciolare. Non vogliamo mozzarella secca, ma nemmeno piena di acqua che impregna la pasta e non permette una buona cottura. Poi se vogliamo mettiamo tutti gli ingredienti che vogliamo (wurstel, capperi e acciughe, prosciutto, funghi... tutto quello che si vuole).

Nel mentre che si stendono e condiscono le pizze si fa scaldare il forno pizza per 10-15 minuti a temperatura 3 (uso un G3Ferrari) e poi si infila la pizza per circa 5 minuti mettendo la temperatura a 2,5.
Et voilà, pizza come nelle migliori pizzerie! E' questo che intendo con facile, veloce ed economico!

La cottura con il forno pizza, o comunque con pietra refrattaria, è la migliore. Appunto perché il risultato è di gran lunga molto simile, praticamente indistinguibile a volte, con quello della pizzeria (se il pizzaiolo è molto bravo però ammetto che è difficile arrivare ai suoi livelli, ma forse con l'esperienza...).
Quando un caro amico mi parlò dei forni pizza stentavo a crederci. Pizze fatte in casa quasi indistinguibili da quelle di pizzeria? Io già le facevo, ma come sapete nel forno da cucina si ottengono focacce, non pizze. Buone, ma quasi completamente diverse!
Quando ho comprato il fornetto, per un prezzo ridicolo, ho scoperto un altro mondo.

Un altro mondo perché fare le pizze, anzi le focacce, era decisamente più difficile: la cottura durava tre quarti d'ora, dovevi prima infornare la pasta e poi dopo aggiungere il formaggio altrimenti quest'ultimo si bruciava, poi lavare le teglie... con il forno pizza invece vai tranquillo senza problemi: pronta in 5 minuti, non sporchi nulla, metti la pizza già condita a cuocere e devi solo aspettare che il timer suoni, e poi il sapore è cento volte migliore!

Inoltre consuma circa la metà di un buon forno elettrico da cucina, e oltre questo lo useremo appena 15-20 minuti contro la quasi ora del forno, contando il preriscaldamento.

Non è una spesa di pochissimo conto, si parla di 70-80 euro però alla fine ne vale la pena, decisamente!
Se ordini spesso pizze da asporto il risparmio è decisamente notevole: in base a quanto formaggio ci vogliamo mettere una pizza media in casa ti viene a costare 60-70 massimo 80 centesimi, contro i 3,50-5 euro di quelle di pizzeria. E la differenza di sapore non è troppo marcata, anzi sono praticamente identiche, e a volte saranno migliori le nostre!.


Insomma, se mangiamo molte pizze da asporto, se ci piace fare le pizze in casa, con una ricettina e un forno pizza risparmieremo tanti soldi e ci divertiremo tantissimo. Il costo del forno verrà ammortizzato in appena 20 pizze fatte... tutte le altre saranno puro risparmio che cola, e se non ci interessa risparmiare ma cucinare bene e stupire amici e parenti avremo un interessantissimo asso nella manica.



Post popolari in questo blog

Bricchetti - segatura compressala per stufe e caminetti che fa risparmiare

Come rendere la pizza meno calorica

Come trovare gli spifferi