Come leggere la bolletta Enel: consumi, tariffe e fasce di prezzo

La bolletta Enel molto spesso ha delle variazioni del costo che lasciano sempre perplessi, trovandosi a pagare di più o di meno senza sapere bene il perché. Ma non è complicato e tenendo a mente due o tre semplici cose è facilissimo leggerla e vedere quanto si è consumato:
Ormai tutti sanno della tariffa bioraria, cioè il fatto che dalle 8 di mattina alle 7 di sera il kilowatt ora costa un tanto mentre dopo le 7 di sera e nel weekend costa meno. Ma non si tratta dell'unica variazione da tenere in considerazione, infatti oltre alle fasce d'orario ci sono le fasce di consumo...


Per capire perché si paga tanto e come si può risparmiare sulla bolletta bisogna tenere in considerazione i 4 scaglioni!
Il primo scaglione è di 150 kw ora mensili,il secondo è di 70 kw, il terzo di altri 150 kw dopo i quali parte il quarto (SALASSO).

In dettaglio il prezzo del kilowatt è il seguente (espresso in centesimi):
Primo scaglione :     F 1 (diurna) 11 cent     F 23 (serale o festiva) 10 cent
Secondo scaglione : F 1 14                          F 23 13
Terzo scaglione :      F 1 18                          F 23 17
Quarto scaglione :    F 1 19                          F 23 18

Circa. In ogni caso c'è il tariffario online, ma è incasinato e sparso

Come possiamo ben vedere spostare i consumi energetici nella fascia serale comporta un risparmio veramente minimo, se vogliamo irrisorio, in confronto allo scendere di scaglioni.
L'unica soluzione per risparmiare è abbassare i consumi, non solo spostarne l'orario. Magari fosse così facile!

Tabella dei consumi fatturati in una bolletta Enel


Tenendo a mente il funzionamento degli scaglioni è semplice capire perché diminuire del 25% i consumi porta a significanti risparmi in bolletta: non si fa scattare lo scaglione successivo riducendo di molto il prezzo del kwh. Fortunatamente si sta discutendo questo sistema, e pare che verrà abolito, in ogni caso al momento è bene ridurre i consumi per evitare di pagare i kw ora di più.

Non è troppo difficile ridurre i consumi energetici della casa, quindi in caso di bolletta molto alta è bene darsi da fare, ma anche verificare che non ci siano dispersioni di energia o incongruenze nella bolletta, come troppi kw o una tariffa per non residenti.

Per fare un esempio pratico posso parlare della mia esperienza diretta: arriva una bolletta Enel di 80 euro, guardo quanti kwh sono stati consumati: 430-440 (circa). Arriva un'altra bolletta, stavolta il costo è di 55 euro, guardo il consumo di kwh e vedo che sono 360-370 circa, insomma sono sceso di scaglione ed i benefici sono stati immensi. Per soli 60 kwh di riduzione di consumo su 440 la bolletta è scesa di 25 euro

Insomma, quando dico che basta poco per risparmiare è così, basta veramente poco. E anche in caso non si riesca a scendere di scaglione, a quel prezzo maggiorato ogni kwh non consumato è comunque un bel risparmio.

Post popolari in questo blog

Bricchetti - segatura compressala per stufe e caminetti che fa risparmiare

Come trovare gli spifferi

Come rendere la pizza meno calorica