Mediacom WindPad X100 e X110, recensione e prova

Tablet - notebook Mediacom WinPad X100

La tecnologia dei tablet si è evoluta come nemmeno ci si poteva immaginare, e continua a migliorare. Questo modello però è un ulteriore passo avanti rispetto il tablet tradizionale, infatti il WinPad X100 è un ibrido fra un normale tablet touch screen e un netbook, un mini computer portatile.
Utilizza il sistema operativo Windows 8.1, e la domanda principale è: meglio windows o android?

Hardware e prestazioni


Quando si compra un tablet una delle prime cose che si deve (se si vogliono evitare fregature) guardare è la performance, o prestazioni se preferiamo, e questo Winpad X100 ad una prima occhiata non sembra troppo male:
Monta infatti un processore Intel Atom Z3735G quad core 1,33 GHz che a pieno regime arriva a 1.8 GHz, 1 GB di RAM, 32 Gb di spazio interno (di cui una parte occupata dal SO) ha due fotocamere ma secondo la mia modesta opinione sono uno spreco di tempo e denaro visto che fanno letteralmente schifo e sono peggio delle fotocamere dei cellulari di 10 anni fa, anche se dichiarano 2 megapixel per quella frontale (e non li ha) mentre quella posteriore appena 0,3.

Un processore quad core a 1,8 GHz potrebbe non sembrare il massimo, sono passato da un tablet quad core 1,5 GHz a questo, tablet di fascia di prezzo inferiore a questo tablet/pc, pensando di avere un incremento minimo di prestazioni, o al limite se la CPU era di nuova generazione un aumento sensibile, invece mi sono proprio dovuto ricredere: è un fulmine!

Il mio metro di paragone sono le pagine web e la navigazione, visto non posso paragonare le prestazioni fra Android e Windows per quanto riguarda le app, e se nel caso del robottino aspettavo anche 40 secondi buoni prima di poter navigare facebook in versione desktop (cioè come la si vede dal PC) sul tablet se ne aspetto 10 è molto, e parlo di uno dei siti peggio ottimizzati...

Il vero punto debole, a parte le fotocamere di cui possiamo ben fare a meno, è la RAM: 1 GB è pochino, e la cosa si fa sentire se apriremo più programmi o più di 4 tab del browser contemporaneamente. Due giga sarebbero stati molto più consoni, cosa che troviamo nel modello X110.

Ci sono poi le periferiche: il tablet è dotato di tasto di accensione/standby, volume e il tasto windows per far comparire il menù start, una presa micro USB (purtroppo una sola), una presa micro HDMI per collegarsi ad un monitor o televisore, uno slot micro SD che supporta fino a 32 giga.

Il display è in 16:10 (cioè un poco più alto di un 16:9 wide screen, formato più diffuso) con risoluzione di 1280x800 (non x768, appunto 16:10) è piuttosto luminoso e ha una qualità decisamente buona, anche se non è Full HD.

Un vero Windows!

A parte delle prestazioni molto superiori ad Android, motivo per cui non tornerò mai più su quel "sistema operativo" non proprio ben ottimizzato, si possono godere di tutte le funzioni che offre il windows 8.1 che abbiamo anche sul desktop, per cui basta collegare un mouse alla presa micro USB che usato insieme alla tastiera (estraibile, ricordiamoci che è anche un tablet) avremo un vero e proprio PC portatile con tutte le funzioni. Ovviamente non potremo farci lavori pesanti, come rendering grafici, ma per un normale lavoro come scrivere, preparare piccoli fotomontaggi o immagini non troppo pesanti è perfetto. Cosa che con il tablet non accade, a meno di prendere quelli che costano un botto, e a quel punto non hanno la tastiera che va comprata a parte ecc ecc.

Ovviamente è utilizzabile benissimo anche senza mouse, perché la tastiera ha un touchpad, ma è decisamente scomodo e i tasti destro e sinistro sono gestiti dal touch.
Mi spiego meglio: il click sinisto e destro fanno parte dello stesso singolo tasto, e il tablet riconoscerà il diverso click grazie alla superficie touch dei tasti stessi. Questo è un sistema che se vogliamo è ingegnoso, ma che molte volte rende parecchio difficile fare click destro visto che la natura touch del tasto fa spostare il cursore mentre si preme il tasto.

La batteria

Una delle cose fondamentali da controllare in un dispositivo è la batteria e la sua durata.
Questo tablet ha una batteria da 6000 mAh, che garantisce una autonomia di circa sette ore (con wi fi sempre acceso, sinceramente per l'uso che ne faccio non l'ho mai usato senza wi fi) una durata se vogliamo soddisfacente, ma desta preoccupazione il tempo di carica: a volte ci vogliono 3-4 ore per caricarlo completamente.

Difetti

Ovviamente anche questo piccolo gioiellino ha dei difetti:
Prima di tutto il peso: il tablet ha un certo peso, e se tenuto con una sola mano può risultare fastidioso e stancante. Anche la tastiera non pesa poco... ci si aspetterebbe che avendo solo qualche tasto e il touchpad pesi meno della metà del tablet, e invece pesa eccome! Questo perché il docking, che collega il tablet con la tastiera, è molto robusto ma anche pesantuccio, essendo fatto interamente in metallo.

E a proposito del docking, un difetto che ha è la durezza: è tanto duro che per aprirlo si deve fare forza con il tablet, che a occhio non prende bene la cosa e ho l'impressione che anche il monitor ne risenta (chiazze più chiare nell'immagine visualizzata dal display, inoltre dopo qualche mese di utilizzo i contatti si ossidano e devo estrarre e rimettere il tablet più volte prima che la tastiera venga collegata, oppure cercare di pulire i contatti. Questo problema si presenta principalmente in estate, quando si suda tanto e il sudore della mano, se viene a contatto con quel punto del tablet, favorisce l'ossidazione.

Gli altoparlanti... sono di buona qualità, ovviamente senza aspettarsi un impianto da 3000 Watt RMS, ma la loro posizione li rende scomodissimi: sono dietro, per cui o giriamo il tablet o sentiremo l'audio con un volume più basso del normale. Difetto condiviso da molti tablet ma che lo rende comunque fastidioso

Consigliato?

Direi di si! Ha un ottimo rapporto qualità/prezzo: il prezzo iniziale era di 250 euro, ma è stato venduto da Unieuro a 200 in promozione, ma oggi si trova su Amazon a 210 euro (dicono abbia 2 giga di ram ma lo chiamano come il primo, occhio che non sia un errore), il rapporto qualità prezzo non ha eguali visto che l'aggiunta della tastiera lo rende come un netbook (quando ho comprato questo piccolo gioiellino ho guardato i prezzi dei netbook, e a parte un po' di RAM in più e un hard disk molto più capiente non avevano troppo, e a prezzi molto più alti).
Se si vuole ovviare al problema della poca RAM ci si può rivolgere al X110, che è quasi identico a parte la RAM e una CPU leggermente diversa (ma che alla fin fine performa in modo quasi identico), e costa normalmente appena 10 euro in più rispetto al "fratellino" (anche se ora risulta costare 20-30 euro in più, visto che Amazon sta facendo delle offerte più pesanti sul primo).

Inoltre ora, con l'arrivo di Windows 10, questo tablet riprende vita, ottenendo prestazioni ancora migliori (tanto che ci si può fare allegramente retrogaming con titoli che arrivano fino al 1999 senza troppi problemi), la batteria dura di più e tutti i vantaggi offerti dal nuovo sistema operativo. Unico neo è che aggiornarlo con un disco fisso così piccolo costringe a fare il backup del vecchio windows su una scheda di memoria (o pen drive, se vogliamo) e a disintallare praticamente tutto dal disco (se non si scarica sempre sul pen drive o scheda SD...).
Unico problema, la versione con un solo giga di ram arranca un poco con windows 10, che è costretto a comprimere la ram, cosa che aumenta i tempi di caricamento e svuotamento della memoria, per cui se si usa un antivirus esterno (cosa che alla fine è consigliata) la ram diventa veramente poca, tanto che disattivando l'antivirus si ha un netto miglioramento della velocità. Credo che sia meglio puntare alla versione con due giga di ram, per ovvi motivi, oppure cercare di ottimizzare quello con un solo giga eliminando programmi e app non necessari.

La conclusione è che windows performa decisamente meglio di android in tutto e per tutto, specialmente se si parla di windows 10.

Post popolari in questo blog

Bricchetti - segatura compressala per stufe e caminetti che fa risparmiare

Come rendere la pizza meno calorica

Come trovare gli spifferi